Portogallo dìa 2 – Lisbona é bianca e rossa come la Ginginha

La “città della luce” oggi ci ha accecati.

Bianco, sole, occhi socchiusi, cappello di paglia e un tram sferragliante che ci ha portati a Belém con la sua torre, il monumento ai naviganti e il monastero dei Jerónimos, che a me fa pensare solo al capo Apache.

I profumi e gli odori arrivano dalle cucine dei ristoranti trasportati dal vento che, qui, sembra non fermarsi mai. Assaporo e faccio mie anche le più piccole suggestioni, intanto camminiamo, camminiamo, camminiamo…
Cattedrale, Castello, Miradouro da Graca e di Santa Luzia e poi giù in picchiata fino al cuore dell’Alfama per una cena vegetariana in questa terra dove carne e pesce spesso si fondono.
Il bacio della buona notte ce l’ha dato la Ginginha, ci ha lasciato sulle labbra il sapore delle ciliegie.

20140802-074301-27781857.jpg 20140802-074302-27782480.jpg 20140802-074303-27783095.jpg 20140802-074303-27783626.jpg 20140802-074304-27784148.jpg 20140802-074304-27784695.jpg 20140802-074305-27785288.jpg

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *