New York day 8: ultimo giorno, mancano due piatti all’appello. Pizza ed ali di pollo fritte.

L’ultimo giorno di ogni cosa mi mette sempre tristezza mista ad impazienza per l’arrivo di un nuovo inizio.

Non riesco quasi mai a godere dell'”ultimo giorno”, sono già proiettata verso ciò che farò poi e, dopo un viaggio simile, gli spunti sono molti.
Indovinate un po’? Abbiamo camminato tantissimo anche oggi, su e giù per Harlem.
L’autunno si sta mangiando il verde delle foglie ed é uno spettacolo di colori e profumo di corteccia umida.

Ci mancavano due piatti da assaggiare a NY: la pizza e le ali di pollo fritte.

Visto il poco tempo a disposizione abbiamo lasciato il pranzo come ultima cosa, quando ormai eravamo già in aeroporto ed era ora di cena. 🙂
Ci siamo fermati in un pub nel terminal 1 ed ecco il risultato.
La piazza americana é sempre un po’ alta e gommosa, non sa propriamente di pizza, il pomodoro é troppo dolce, il formaggio non é mozzarella così come la intendiamo però, nell’insieme, a me piace.
Le ali di pollo invece sono state definite da Mr.D. come un piatto “senza infamia e senza lode”.
Eccole. A me non ispirano troppo.

Il nostro viaggio a NY finisce qui. Con il palato scottato dalla pizza bollente e gli occhi che lacrimano per la salsa piccante del pollo, o forse é solo nostalgia preventiva.

Chiudo gli occhi e cerco di rivivere questi 8 giorni. Voglio portare a casa con me tutto ciò che posso. Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *