New York day 4: mangiare nei diner da colazione a cena.

La cucina dei diner l’ho provata per la prima volta in Canada. Sono locali che offrono cucina in “American style” (così dice Wikipedia) in un ambiente con divanetti in pelle dagli schienali bassi, tavolini lucidi ed insegne luminose e fissate in obliquo.
Come molte delle attività qui sono aperti quasi tutto il giorno e ci si può mangiare dalla colazione alla cena.
Abbiamo iniziato dal Cosmic Diner all’angolo tra la 52th e la 8th. Nel menù c’era di tutto, dai pancakes con sciroppo d’acero alla zuppa di verdure, essendo ora di colazione abbiamo optato per scrambled eggs (uova strapazzate), formaggio cheddar, pomodori e funghi; or salsicce me le hanno messe come optional e Mr.D. ha gradito molto.
Dopo una colazione del genere il pranzo é stato verso le 18.00…prima sarebbe stato impossibile!
Ci siamo fidati della Lonely e abbiamo cercato Shake Shack, un chiosco di hamburger in Madison Square Park tra la 23th e Madison Avenue. É proprio nel parco, ci sono tavolini e mille lucine appese agli alberi come quelle che vorrei sul mio terrazzo, se solo ne avessi uno.
Per i vegetariani servono ottime crocchette ai funghi accompagnate da patate fritte, insalata e salsa al formaggio. Secondo me la salsa é formaggio al 20% ed il resto é burro. Credo sia la stessa che mettono negli hot-dog, sarà un salsone chimico ed industriale. Ma…Jesus, che buona! 
Tra un giro e l’altro ci siamo fermati a dare un’occhiata al mercato di Union Square. Mi piace la dimensione del mercato, potrà sembrare esagerato ma mi fa sentire come se la città avesse ancora un “bel” lato umano; non parlo solo di NY, è una sensazione che ho provato anche da altre parti. Anche nella cittadella dalla quale provengo. La stessa che potrebbe essere molto meglio di come é, se solo fosse gestita meglio.
Per cena (ebbene si, c’è stata anche una cena), di nuovo in un diner, il Viand café, questa volta tra la Broadway e la 75th.
Ho scelto un’ottima quesadilla vegetariana con formaggio, broccoli, funghi, peperoni verdi, rossi e spinaci. Per accompagnare la pietanza mi hanno messo nel piatto guacamole e salsa allo yogurt, con peperoni piccantini e pomodori. Come facciano tutti questi sapori a sposarsi tra loro non lo so, ma era tutto delizioso.
Anche il piatto di Mr. D. non era male, a voi indovinare cosa ci fosse dentro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *