Day 11 – Glaumbær: i dolci islandesi

Come anticipato ieri eccoci arrivati a Glaumbær ed al momento del confronto con i dolci islandesi: non vedevo l´ora! 🙂
Prima abbiamo visitato la fattoria, costruita interamente in torba nel 1700 e perfettamente conservata, poi ci siamo diretti all´Áskaffi, il caffé di cui vi ho parlato ieri, famoso per i dolci.
Sembra una bomboniera per turisti, uno di quei posti che generalmente non amo.
É una casetta legno di fine ´800 che conserva al piano superiore arredi ed oggetti d´epoca mentre al piano inferiore é stato ricavato il caffé.
Le cameriere sono in abiti d´epoca e servono bevande e dolci in tazzine e piattini in ceramica finissima…tra zaino, guantoni di lana e macchina fotografica al collo avevo il terrore di rompere qualcosa al minimo movimento!
Nonostante le premesse l´accoglienza é stata ottima e bbiamo bevuto un buon kaffi..

..ed assaggiato degli ottimi dolci!
Abbiamo scelto dei Pönnukökur, simili alle crepes, si possono mangiare arrotolate con lo zucchero oppure piegate in quattro (come queste) e farcite con panna e marmellata di rabarbaro, ci credereste se vi dicessi che erano una bontá?! 

Non contenti abbiamo assaggiato anche una fettina di Vinarterta (o brúnterta) ovvero una torta a strati tipica del periodo natalizio, pare che gli islandesi abbiano iniziato a preparare questo dolce nel 1875, la data cosí precisa é data dal fatto che la nascita di questa torta coincide con l´introduzione delle cucine a carbone.

Aiuto…questi kaffi stanno diventando la mia rovina in termini di linea! 🙂
Le torte e i dolci sono tutti meravigliosi e il freddo e la pioggia invogliano a fare una sosta per un caffe´ caldo ogni due ore! Come si fa a bere solo il caffé!?!

Domani si va verso i fiordi occidentali…speriamo ci sia il sole 🙂

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *