Boston e il New England: foliage, arriviamo.

Riprendo in mano il blog a pochi giorni dalla partenza per una vacanza tra Boston e il New England.
Vorrei di nuovo scrivere e raccontare, come in passato, di cibo e di viaggi.
Ammazza oh, che originalità! Essì, però viaggiare con una bimba piccola cambia tutto.
Ma tutto-tutto.
Primo volo oltre oceano per la mia piccola A. che ora ha un anno e mezzo.
La scorsa primavera abbiamo iniziato a prenotare voli, auto, alloggi.
Ero felicissima di tornare a viaggiare "come si deve" dopo un anno di pausa.
Ora che il giorno si avvicina sono TER-RO-RIZ-ZA-TA!
Mangerà? Dormirà? Il jet leg? La cacca? Il raffreddore? Le orecchie durante il volo? Le cavallette???

Sto pensando di tutto nelle mie notti insonni da donna incinta, si perchè…sono anche incinta!
E mi domando: chi me l'ha fatto fare di dire di sì ad una vacanza on the road nel nord-est degli Stati Uniti?
Poi guardo Mr. D, la sua calma atavica e il suo entusiasmo e mi dico: ok, ce la faremo.

image by Rough Guide Mentre prenotavamo, il mio inconscio mi ha convinta che stessimo scegliendo delle sistemazioni con cucina, poi ho scoperto che no, avevamo deciso che lei avrebbe mangiato tutto come noi e quindi la cucina l'avrò solo per un paio di giorni.
Molto bene, come la mettiamo con una nana che mangia solo pastina, pochi pezzettini di carne o pesce, frittate, pastasciutta sì ma non troppa?
Ahi noi che non abbiamo fatto l'autosvezzamento! Anche se ho letto che dipenda molto anche dal bambino e non solo dalle proposte di cibo.
Io dall'ottavo mese le ho proposto di tutto ma la risposta è sempre stata la stessa: sguardo disinteressato e bocca serrata, quasi come a dire: "A me non serve mangiare, io gioco mamma, vedi tu che fare".
A quel punto ti accontenti di darle le stesse 10 cose davanti a Peppa Pig, pur di riempirle la pancia.
Tra le tante convinzioni da non-ancora-madre c'era: mio figlio non guarderà i cartoni prima dei 18 anni.
Se, va beh!
La mia bimba è, come dire…disinteressata al cibo. E lo è stata fin dal primo giorno di allattamento.
Uno strazio 'sto allattamento, altro che il periodo più bello per una mamma.
Si, per una mamma il cui figlio si attacca, mangia, ciao.
Io ho passato mesi da incubo, non ho mai mollato il colpo (solo grazie alla mia ostetrica del cuore, santa subito!).
Ci credevo un sacco e dopo 7 mesi di panico e pappe già inserite ci siamo assestate.
Allora sì, ho capito che allattare è anche magico.
Tornando al nostro viaggio, con una bambina così, che potrebbe stare tranquillamente due giorni senza toccare cibo, mi sono armata di micro fornellino elettrico, qualche bustina di brodo, passato e pastina e il resto lo compreremo là.
Se c'è una cosa che non manca negli States è il cibo 😉
– 5 al decollo, ho ancora tempo per farmi altre mille paranoie.

Mini_fornello_elettrico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *